fbpx
<

siracusapress

Siracusa, ripartenza del turismo. Buonomo e Torres: “Non si sprechino le opportunità provenienti dal PNRR”

Gli ex consiglieri Buonomo e Torres: “Agire subito per  ripartenza turistica: tre settimane consecutive da Pasqua a Maggio da sfruttare per rilanciare Siracusa e provincia”

Parte dagli ex consiglieri comunali di Siracusa Carlos Torres e Michele Buonomo un invito alle amministrazioni per un’immediata ripartenza turistica.”Nel quadro generale di uno scenario che sembrerebbe vedere il Pil in Italia chiudere il 2021, con una crescita superiore al 6% – ci riferiscono Buonomo e Torres –  il vero settore che ha fortemente accusato il colpo è quello turistico. Anche i segnali di ripresa non fanno molto testo. I veri dati da cui ripartire sono quelli del 2019, non certamente il post fase pandemica. Serve indubbiamente una visione  strategica a lungo raggio, ma che sappia anche guardare all’immediato. Siracusa e provincia non possono lasciarsi sfuggire l’opportunità di anticipare nettamente la stagione estiva”.

“La prossimità  della settimana di Pasqua, densa di eventi religiosi, alla festa della Liberazione, agganciata subito dopo al 1 Maggio, feste fortemente culturali, enogastronomiche e pre-balneari- proseguono i due ex consiglieri comunali –  ci offre da metà aprile un anticipo di stagione estiva di ben 3 settimane consecutive. Auspicando un netto miglioramento delle condizioni sanitarie, che porterebbero a un allentamento delle restrizioni Covid, da Aprile in poi occorre predisporre un cartello eventi di filiera, coinvolgendo tutti i comuni della provincia e puntando su cultura, bellezze del territorio e prodotti tipici locali. L’esempio di Rio de Janeiro, che sposta il suo Carnevale ad Aprile andrebbe assolutamente colto da comunità quali Avola, Melilli e Palazzolo Acreide storicamente rappresentative. Pur con tutte le limitazioni e precauzioni del caso. Il capoluogo dovrebbe certamente fare da cabina di regia e da traino puntando sul mare, attività museali/architettoniche e, perché no, sulla nostra amata Santa Lucia: il ritorno del Simulacro in pubblico proprio il 1 Maggio, coincidente quest’anno con la prima domenica del mese, creerebbe un effetto a forte impatto. Non si stia dunque a guardare e si agisca nell’immediato”.

“Non si sprechi poi – concludono Torres e Buonomo –  l’opportunità storica proveniente dal Piano Nazionale di Ripresa. La programmazione sta proprio qui: progetti incardinati da figure competenti con accessibilità turistica a favore dei soggetti con disabilità. Ci viene da pensare all’idea di una funivia a Cavagrande del Cassibile come a un investimento importante sugli accessi al mare”.

Condividi: