fbpx

Oggi mi regalo la sacra Casbah di Strummer

di Toi Bianca

***

Capitolo 1

– Lo conoscevi?

Tony Rossitto si era appena tolto il giaccone pesante entrando in redazione e Franco Motta, capocronista del Gazzettino, aveva notato la fascia nera, segno di lutto, al braccio.

– Di persona no – rispose Tony, che si aspettava una domanda del genere e s’era preparato la risposta, – ma lui mi ha illuminato, mi ha accompagnato, mi ha insegnato la vita ed ora anche la morte…

– Chi? L’avvocato Gioele Urzì? – disse Franco, che era abituato alle stranezze del collega ma stavolta stentava a capire.

– L’avvocato? Che c’entra l’avvocato Urzì?”

Tony si fermò, Franco lo guardò.

Erano passate da poco le 11 del 23 dicembre 2002, un lunedì. Mezz’ora prima Tony Rossitto aveva sentito alla radio che era morto Joe Strummer, chitarra, leader e anima dei Clash, suo gruppo preferito. Mezz’ora prima in questura il capo della mobile aveva dato la notizia che in nottata era stato “rinvenuto cadavere” l’avvocato Gioele Urzì.

* * *

Comincia così il mio secondo romanzo, “Nessuna stella è per te”; ma di questo, giustamente, non ve ne può fregare di meno. La citazione era per spiegare che sono un fan assoluto dei Clash, al punto che ho assunto il nome del loro frontman come pseudonimo nel mio blog.

Quella mattina, diversamente da Rossitto, io ero a Liverpool e potete immaginare in UK, dove Strummer era l’icona del punk impegnato e “combat”, come deflagrò la notizia della sua morte. Quel giorno mi colpì alla pancia e così lo evocai a mio modo nel romanzo.

E quindi oggi ho scelto come song la mia canzone preferita dei Clash, “Rock the Casbah” che ha un testo splendidamente rivoluzionario sul potere eversivo del Rock che non piace agli sharif, i poliziotti religiosi mussulmani, ma vale per tutti i poteri, destri, sinistri, democratici o totalitari. E infatti nel leggendario video della canzone, quello con il mussulmano e l’ebreo ortodosso che si ubriacano e ballano assieme e l’armadillo che corre fra i musicisti in un campo petrolifero e poi per le strade di Austin, (citatissimo anche in una clip dii Fabri Fibra, “Vip in trip”) stanno tutti dentro l’invettiva di Strummer dove la Casbah i fondo è “Il sistema”.

Anche qui vi chiederete: perché questo pippone?

E io vi rispondo: Niente, oggi è il mio compleanno e sono regalato la mia song preferita.

Oggi, perché, come diceva Strummer, “the future in unwritten”.

Condividi: