Sanità, tempi lunghi per la vaccinazione obbligatoria nel Siracusano: a Pachino prime prenotazioni ad ottobre

condividi news

Si allungano i tempi per la necessaria profilassi obbligatoria secondo l’Udicon Sicilia

Ritardi inaccettabili nella campagna di vaccinazione: solleciteremo l’Asp affinché si possa affrontare il problema con determinazione e tempestività“. A dichiararlo è Salvatore Lorefice, presidente regionale di Udicon Sicilia.

Negli ultimi mesi, i ritardi nella campagna di vaccinazione obbligatoria stanno causando preoccupazione e disagio in diverse comunità della provincia. Dal capoluogo Siracusa, in cui le prime date utili individuate dal centro prenotazione online sono a maggio, sino ai lunghissimi tempi di attesa di Pachino: non ci sono posti sino ad ottobre.

La vaccinazione obbligatoria – ha dichiarato Lorefice – rappresenta un pilastro fondamentale nella lotta contro le malattie infettive e nel mantenimento della salute pubblica. Tuttavia, abbiamo già ricevuto tantissime segnalazioni di ritardi che stanno compromettendo il regolare andamento della campagna“.

Le cause di questi ritardi sono dovute alle difficoltà logistiche derivanti dalla carenza di risorse umane, che non consentono una ottimale programmazione delle giornate nei differenti presidi sanitari del territorio.

Siamo certi – ha spiegato il presidente Regionale Udicon Sicilia – che il nuovo direttore generale dell’Asp, Alessandro Caltagirone, agisca con prontezza per identificarne le cause e adottare le misure necessarie per risolvere il problema in tempi brevi”.

Udicon rimane a disposizione per raccogliere ulteriori segnalazioni di tutti quei cittadini che sono costretti a subire lunghissimi tempi di attesa.

Altri Articoli

invia segnalazioni